Alla scoperta del Kyūshū

L’arcipelago giapponese è costituito da cinque isole maggiori (Hokkaidō, Honshū, Shikoku, Kyūshū e Okinawa) e da numerosissime piccole altre isolette, per un totale di 6.582 isole, di cui 430 abitate. La destinazione della nostra ultima vacanza, durante l’autunno, è stata l’isola del Kyūshū, rinomata a livello nazionale per la sua buona cucina, le sue acque termali e per i suoi spettacolari paesaggi.

Il nostro itinerario ha coperto alcune delle destinazioni più famose nelle province di Kagoshima, Kumamoto, Oita e Fukuoka, ma abbiamo in programma di tornare in Kyūshū in futuro per visitare Nagasaki e altre zone della provincia di Kagoshima.

The Japanese archipelago is a group of 6,852 islands, of which 430 are inhabited. The main islands are Hokkaidō, Honshū, Shikoku, Kyūshū and Okinawa. During the autumn, we organised a trip to the island of Kyūshū, famous for its excellent cuisine, its hot springs and its beautiful landscapes. We spent a week there and we travelled across the prefectures of Kagoshima, Kumamoto, Oita and Fukuoka. In the future, we plan on going back to Kyushu to visit Nagasaki and other areas of Kagoshima prefecture.

Kyūshū

Siamo arrivati in aereo a Kagoshima, la “Napoli d’Oriente”, dopo un volo di circa due ore dall’aeroporto di Haneda (Tokyo). Il nostro viaggio comincia quindi dalla provincia più a Sud del Kyushu, famosa per i suoi vulcani attivi, per le antiche foreste di Yakushima e per le sue spiagge incontaminate. Abbiamo trascorso 2 giorni a Kagoshima, durante i quali abbiamo avuto il piacere di visitare il giardino Sengan-en, patrimonio dell’UNESCO, l’isola di Sakurajima, nella quale si trova l’omonimo vulcano attivo, che si può sentire e vedere “sbuffare” ogni giorno dalla diverse zone della città e l’acquario di Kagoshima.

We travelled by plane between Tokyo Haneda and Kagoshima, the “Naples of Japan”. This means we started our trip from the southernmost province of Kyushu, famous for its active volcanoes, the ancient forests of Yakushima and for its clean beaches. We spent two days in Kagoshima and here we visited the Sengan-en garden, UNESCO World Heritage site, Kagoshima aquarium and Sakurajima island. Sakurajima Island is also home to Sakurajima active volcano, which you can see erupting and lightly covering the city with ashes almost every day.

Il terzo giorno siamo partiti alla volta di Kumamoto, sulla costa occidentale montuosa della regione, che abbiamo raggiunto in autobus (circa 2 ore e mezza di viaggio). Questa provincia è tristemente famosa per essere stata colpita dal forte terremoto del 2016, che ha causato parecchi danni tuttora visibili. Uno degli esempi più importanti è il Castello di Kumamoto, che al momento è ancora fase in ristrutturazione e non accessibile dai turisti se non durante il fine settimana. Si può in ogni caso passeggiare attorno alle mura del castello e visitare il museo del castello per attività principalmente rivolte ai bambini.

On day 3 we moved to Kumamoto, in the west coast of the region. We got to Kumamoto by bus (around 2 hours and a half of travel time). This prefecture is sadly famous because of the 2016 earthquake, which caused major damages. One of the main examples is Kumamoto castle, which is still being reconstructed and inaccessible to tourists on weekdays. If you decide to visit the castle, you can take a walk around the castle walls and still see some of the damaged areas, or you can also visit the Kumamoto Castle museum for fun some activities (mainly for children).

Abbiamo pernottato solo una notte nella città di Kumamoto, dalla quale il giorno successivo abbiamo noleggiato un’auto, per addentrarci nelle zone montuose della provincia. Kumamoto è infatti famosa anche per le sue montagne e i suoi vulcani, tra cui il bellissimo Monte Aso, nella cui caldera (con un a circonferenza di 100km) sorgono villaggi e fattorie. I paesaggi autunnali che abbiamo potuto ammirare sono stati veramente eccezionali e viaggiare in auto ci ha permesso di fermarci in due delle zone panoramiche suggerite dalla guida e nella piccola città termale di Kurokawa Onsen, di strade per arrivare al nostro alloggio per la notte. Abbiamo pernottato in una ryokan incastonata tra le montagne di Kumamoto, composta da circa una ventina di camere, ognuna dotata di una sua onsen privata all’aperto.

One of the main reasons we decided to visit Kyushu for was to enjoy the beautiful autumn scenery in the Kumamoto mountains. We rented a car in the morning and made our way to the active volcano Aso. Mount Aso’s caldera ranks amongst the world’s largest and has a circumference of over 100 km, and has numerous villages and farms on its surface. We really enjoyed driving through the mountains and having the freedom to stop at the scenic spots our guide recommended and in Kurokawa Onsen, a very picturesque onsen town. We spent the night in a beautiful ryokan in the Kumamoto mountains, which 20 rooms all have a private outdoor onsen.

Il giorno successivo, dopo una bella colazione con vista montagne, ci siamo diretti verso la città termale più famosa del Kyushu, Beppu. Lungo la strada per Beppu ci sono molte cittadine interessanti, tra cui Yufuin, ai piedi del Monte Yufu, nella quale ci siamo fermati per pranzo e per esplorare il Villaggio di Kiki (come Kiki’s Delivery Service), una zona a tema Studio Ghibli. Yufuin è molto graziosa ma anche molto turistica – se dovessimo scegliere una delle città termali che abbiamo visitato in Kyushu, consiglieremmo sicuramente Kurakawa Onsen rispetto a Yufuin. Come anticipato, la nostra terza destinazione in Kyushu è stata la città di Beppu, sulla costa nord orientale. Beppu è famosa per i suoi “inferni”, sorgenti termali con coloro che vanno dal blu cobalto al rosso sangue, fino ad arrivare addirittura a un geyser, con temperature all’incirca di 98 gradi e non adatte alla balneazione.

The following day, after a great breakfast with mountain view, we drove to the most famous hot spring town of Japan, Beppu. We stopped in Yufuin, near mount Yufu, to have lunch and to check out the Kiki Village (from Kiki’s Delivery Service), a shop area dedicated to the Studio Ghibli movies. Yufuin is really cute but if we had to choose to stay in an onsen town in Kyushu, we would prefer Kurokawa Onsen, which we briefly visited the previous day. As mentioned, our destination was Beppu, on the north East coast of Kyushu. The main tourist destination here are the “Hells of Beppu”, seven spectacular hot springs with vibrant colours and different activities – one of them even has a hot geyser. These hot springs are not for bathing, as the temperature is around 98 degrees!

L’ultima destinazione del nostro viaggio è stata Fukuoka, nell’estremo Nord del Kyushu. Qui si può mangiare un ottimo tonkotsu ramen, caratterizzato dal denso brodo fatto con ossa di maiale e noodle sottili. Sempre restando in tema gastronomico, il quartiere di Nakasu con le sue bancarelle yatai è il miglior luogo in cui trascorrere una serata come fanno i locali. A partire dalle 6 del pomeriggio, le rive del fiume si colorano con le lanterne delle yatai, dove si possono assaggiare specialità locali come yakitori, gyoza, oden e molto altro.

The last stop of our trip was Fukuoka, in North Kyushu. This is the city that originated tonkotsu ramen, made with pig bone broth and small noodles. Speaking of food, we spent the evening like locals do, dining in one of the yatai of the Nakasu area. Here, starting from 6pm, the river starts to become illuminated with the lights of dozens food stalls, where you can enjoy yakitori, gyoza, oden and more.

A Fukuoka abbiamo anche visitato il tempio Nanzoin, dove si trova una delle statue del Buddha sdraiato più grandi al mondo, e il santuario Daziafu Tenmangu, dedicato al dio della letteratura e della calligrafia. Per questo è frequentato dagli studenti che pregano per il successo negli studi.

Attractions of Fukuoka also include Nanzoin temple, which houses one of the largest reclining buddha statues of the world, and Dazaifu Tenmangu, a shrine famous amongst students as it is said that praying there would help you pass exams.

La statua del Buddha del tempio Nanzoin

Ci sentiamo di consigliare tanto un viaggio nel Kyushu per esplorare un Giappone diverso da quello delle tappe principali come Tokyo e Kyoto. Le sue bellezze naturali che includono mare, montagna e vulcani si possono apprezzare meglio usando l’auto come mezzo di trasporto, ma come il resto del Giappone anche il treno è un’ottima opzione. Noi adoriamo viaggiare in treno, specialmente il treno superveloce shinkansen, per cui abbiamo deciso di prendere lo shinkansen da Fukuoka a Tokyo…un’opzione di certo non economica ma che ci ha permesso di goderci ancora un po’ di paesaggi del Giappone. Nei prossimi post vi racconterò più in dettaglio cosa vedere nelle diverse città che abbiamo visitato.

We highly recommend visiting Kyushu to get a taste of what Japan looks like in less touristic areas like Tokyo or Kyoto. Here you can find seaside, mountains and volcanoes. Traveling across Kyushu by car is the best way to see what nature has to offer, but train is a suitable option too. We love traveling by train, so much that we decided to go back to Tokyo by bullet train (shinkansen) instead of flying there. Stay tuned for more posts where I tell you in more detail what we saw in the various cities we visited during our Kyushu trip.

2 risposte a "Alla scoperta del Kyūshū"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Where in the world is Grandma?

Travel addiction for the young at heart. I haven't been everywhere but it's on my list! Adventure travel ROCKS!

Elly Lakes

Creative Communication, Travel, and More

Art of Meridianos

Art, illustrations, concept art and character designs by Meridianos

IGIRISUJEN

A Brit in Japan

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: