Lanterne e O-bon al santuario Yakusuni

14 Luglio

Siamo arrivati a quell’estate giapponese di cui tutti ci parlavano, con quel caldo umido (蒸し暑い mushi atsui ) per il quale ci si ritrova sudati dalla testa ai piedi dopo appena 10 minuti sotto il sole. L’estate giapponese è però anche il periodo in cui si svolgono i natsu matsuri, i festival tradizionali estivi, per i quali migliaia di persone si radunano per pregare, danzare e divertirsi al ritmo dei tamburi e dei flauti.

The hot summer everybody was telling us about has arrived, with that humidity and heat that keeps you wanting to avoid being outside. The Japanese summer is also the season for natsu matsuri, the traditional summer festival, where thousands of people get together to pray, dance and have fun with a background of taiko drums and flutes.

A Tokyo ci sono almeno un paio di matsuri ogni settimana, come il Sanja Matsuri o l’Ajisai Matsuri. Questo fine settimana siamo stati al santuario shintoista Yakusuni, dedicato ai soldati caduti al servizio dell’impero del Giappone. Questo santuario è stato e continua a essere al centro di numerose polemiche, poiché tra le due milioni e mezzo di anime onorate ci sono anche quelle di quattordici criminali di guerra di classe A. Adiacente al tempio c’è il museo Yushukan, per i visitatori che hanno voglia di scoprire la versione nazionale degli eventi della Seconda Guerra Mondiale.

Tokyo has at least a couple of matsuri every week, such as Sanja Matsuri or Ajisai Matsuri I have already told you about in this blog. This weekend we visited the shinto shrine Yakusuni, which commemorates Japan’s war dead. This is a very controversial shrine because fourteen class A war criminals are also honoured, together with the 2.5 million people that died in Japanese wars. If you want to learn more about the Japanese perspective on war, you can visit the Yushukan museum, which is situated on the temple grounds. 

 

IMG_3291
Santuario Yakusuni / Yakusuni Jinja
IMG_3300
La via principale illuminata da migliaia di lanterne / The main street lit by thousands of paper lanterns

Il santuario viene illuminato con 30.000 lanterne di carta in occasione del Mitama Matsuri, uno dei primi festival O-bon della stagione estiva, dedicati a celebrare le anime dei defunti. Gli O-bon sono molto simili ai classici matsuri, in cui ci sono eventi come la processione di mikoshi, portantine in legno in cui sono custoditi i kami, accompagnati dalla musica dei taiko e dei flauti, o le numerose bancarelle di cibo da strada che vendono takoyaki, kakigori e la specialità estiva, l’anguria.

The shrine grounds are lit with 30.000 paper lantern for the Mitama Matsuri, one of the first O-bon festivals of the summer season. O-bon are matsuri that honour the spirits of the dead. They are very similar to the traditional matsuri, with the mikoshi parade, accompanied by taiko drums and flutes, and street food stalls that sell takoyaki, kakigori and the summer specialty, watermelon.

DSC00599
La processione dei mikoshi del Mitama Matsuri
Taiko che accompagnano la processione
Taiko che accompagnano la processione
Mitama Matsuri - Street Food
Mitama Matsuri – Street Food
IMG_3298
Una coppia in yukata / Cute couple wearing Yukata

La particolarità degli O-bon però è il Bon Odori, una danza tradizionale che viene offerta agli spiriti dei defunti. Si pensa infatti che in occasione dell’O-bon, le anime gli antenati tornino sulla terra per ricongiungersi con i propri familiari. Le figure dei ballerini si sovrappongono quindi a quelle dei defunti e le famiglie si ritrovano a danzare insieme.

The special thing about O-Bon is the Bon Odori, a traditional dance performed for the ancestors. I have read that during O-bon, the ancestors’ souls are believed to travel back to join their families and Bon Odori dancers sometimes feel as if they are dancing with their ancestors. 

IMG_3329

Al centro dell’area dedicata al Bon Odori viene allestito un palco sul quale vengono mostrati i movimenti della danza. Il pubblico si riunisce poi in cerchio intorno al palco e balla al ritmo della musica tradizionale, chiamata “Ondo”. Noi per stavolta non ci siamo lanciati nelle danze, ma ci saranno altri O-bon a metà Agosto, dove probabilmente balleremo per sperimentare quest’altro aspetto della cultura giapponese. Ecco un video della danza tradizionale Bon Odori del Mitama Matsuri e qualche altra foto scattata al santuario Yakusuni.

At the center of the area dedicated to the Bon Odori a stage is set up, where the movement of the dance will be shown. The public then watches the dancers’ movements and joins the circle around the stage. We didn’t join the dance this time, but we probably will in August for the next O-bon…we want to experience this aspect of the Japanese culture! Here is a short video of the Bon Odori at Mitama Matsuri and some more pictures of the evening. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...