Yubaba e la Città Incantata a Tokyo: una mostra temporanea al tempio Kanda Myojin

Siamo da sempre grandi fan dei film d’animazione dello Studio Ghibli. Abbiamo visitato il Museo d’Arte Ghibli di Mitaka già un paio di volte e ci esaltiamo ogni volta che troviamo dei gadget dei nostri film preferiti in giro per il Giappone.

Un paio di mesi fa, sono apparsi in alcune stazioni della metro di Tokyo dei cartelloni raffiguranti il volto di Yubaba, la strega che gestisce il complesso di bagni pubblici nel film La città incantata. I cartelloni pubblicizzano due eventi legati allo Studio Ghibli che si svolgeranno a Tokyo fino al 12 maggio: uno stamp rally e una mostra su Toshio Suzuki, produttore dei film dello studio d’animazione da oltre 40 anni.

We have always been fans of Studio Ghibli movies. We went to the Mitaka Ghibli Museum a couple of times already and we get excited every time we see Ghibli-themed merchandise in the shops around Japan. A couple of months ago, we saw some posters in the Tokyo Metro representing Yubaba, the witch that manages the bathhouse in Spirited Away. The posters are advertising two events currently happening in Tokyo (ending on May 12th): a Studio Ghibli stamp rally and a special exhibition about Toshio Suzuki, producer at Studio Ghibli for more than 40 years.

Gli stamp rally sono delle attività molto popolari in Giappone e consistono nel collezionare timbri situati in vari luoghi della città. Chi vuole partecipare allo stamp rally può ritirare il foglio dedicato all’evento in una delle stazioni partecipanti e dovrà poi visitare tutte le location indicate sul foglio per completare la collezione.

In base al numero dei timbri raccolti, si riceveranno dei premi in edizione limitata, che in genere consistono in prodotti di cartoleria. Per lo stamp rally dello Studio Ghibli, bisogna raccogliere 8 timbri per ricevere uno dei raccoglitori in acetato con le immagini promozionali della mostra: Yubaba e un makkuro kurosuke.

Immagini dei premi dello stamp rally Studio Ghibli

Stamp rallies are very popular in Japan, and they consist in collecting stamps placed in various locations of the city. You can get the dedicated sheet in any of the participating stations and then visit the stations to get the other stamps. Depending on the number of stamps collected, you will receive a limited edition prize, usually a stationary item. For this particular stamp rally, people who collect 8 stamps can get a plastic folder with one of the two promotional images of the exhibition: Yubaba or makkuro kurosuke.

Oltre che allo stamp rally, dal 20 Aprile al 12 Maggio, nel tempio shintoista Kanda Myojin, si svolge una mostra dedicata alla vita e ai lavori di Toshio Suzuki, che non solo ha prodotto alcuni tra i film più famosi dello Studio Ghibli, ma ha anche creativamente contribuito al loro successo tramite la “magia delle parole”. Suzuki è infatti l’autore di slogan iconici come 夢だけど夢じゃなかった (Yume dakedo yume ja nakatta – Anche se era un sogno, non è stato un sogno!) di Totoro o ここで働かせてください (Koko de hararakasete kudasai – Per favore, voglio solo lavorare!), della Città Incantata.

In addition to the stamp rally, there is an exhibition dedicated to the life of Toshio Suzuki, who not only produced many Studio Ghibli films but also came up with some of the most famous catchphrases of these movies, for example 夢だけど夢じゃなかった (Yume dakedo yume ja nakatta – It was a dream, but not a dream!) from Totoro or ここで働かせてください (Koko de hararakasete kudasai – Please let me work here!) from Spirited Away. The exhibition takes place at Kanda Myoin Shrine, near Ochanomizu station.

Questi slogan sono raccolti insieme alle immagini dei film in una delle sale della mostra, che ha un bellissimo impatto visivo grazie alle frasi in nero sovrapposte ai colori vibranti dei poster sullo sfondo.

The catchphrases are displayed together with the posters from the movies in one of the rooms of the exhibition, creating a wonderful contrast between the colourful images and the black calligraphy.

La stanza in cui vengono riprodotti gli slogan più famosi di Toshio Suzuki
Ponyo

La mostra ripercorre la vita e la carriera di Suzuki, presentando al visitatore istallazioni come la riproduzione della sua stanza d’infanzia e adolescenza o spezzoni di film dell’era Showa (1926–1989) che l’hanno ispirato. Un aspetto interessante della vita di Suzuki è stato il suo ruolo di giornalista per la rivista dedicata agli anime Animage. È proprio per scrivere un articolo su questa rivista che Suzuki incontrò Hayao Miyazaki, che in futuro l’avrebbe invitato a far parte dello Studio Ghibli come produttore e editore.

The exhibition is about Suzuki’s life and career, with areas like the room of calligraphy, a replica of Suzuki’s adolescence room, including the movies and books/comic books that inspired him. Suzuki used to work for Tokuma Shoten and then became engaged in the launch of the animation magazine “Animage” as one of the key members. As an Animage editor, he approached Hayao Miyazaki for an interview. Miyazaki will a few years later invite him to join Studio Ghibli as producer and editor.

A quanto pare la figura di Toshio Suzuki ha ispirato uno dei personaggi principali della Città Incantata, la strega Yubaba. Nel film, Yubaba fa firmare a Chihiro il contratto di assunzione e con la magia, le “ruba” il nome, sostituendolo con “Sen”. Rubando loro il nome, Yubaba controlla le persone che lavorano per lei. Suzuki da spesso soprannomi ai suoi colleghi e collaboratori. Una volta sotto l’effetto della magia delle sue parole, lavorano con lui e instaurano un rapporto molto stretto con il produttore, che in un certo senso “produce” anche le loro vite dandogli consigli e suggerimenti. Per questa similitudine tra Yubaba e Suzuki, un paio di stanze del museo sono dedicate alla Città Incantata.

It is said that Toshio Suzuki inspired the character of the witch Yubaba from Spirited Away. When Yubaba hires Chihiro to work at the bathhouse, she tells her to write her name on the contract. With her magic, she “takes away” her name and renames her “Sen”. To work at the bathhouse, there is an initiation ceremony of taking their names, by which Yubaba controls people. Suzuki often nicknames people he works with. Once they are under the “Magic of words” of Suzuki, they work together as if their lives were produced by him. Not only that, they actually enjoy it, mixing work with pleasure while getting life counselling from him. Due to this similarity, many rooms of the exhibition are dedicated to Spirited Away.

In una sala cui ci si può far predire la fortuna proprio da Yubaba e da sua sorella Zeniba. All’interno della bocca delle due sorelle ci sono una serie di corde con dei numeri. Bisognerà tirare una delle corde, prendere nota del numero e aprire il cassetto corrispondente per ricevere un bigliettino con le proprie predizioni. Yubaba fa delle predizioni sulla vita amorosa, mentre Zeniba sulla fortuna.

In one of the rooms you can get your fortune told by Yubaba or her sister Zeniba. You can get a number from one of the ropes in the sisters’ mouth, memorize the number and then open the drawer with that number to receive your fortune. You can get the love-related fortune from Yubaba and the luck-related fortune by Zeniba.

Zeniba, mentre alle sue spalle c’è Yubaba
Cassetti in cui ricevere le predizioni

L’ultima stanza è dedicata a una riproduzione del bagno pubblico della Città Incantata, con tanto di illuminazione diurna e notturna e trenino di passaggio!

The last room of the exhibition is dedicated to a model of the bathhouse, which constantly changes from day to night view.


La mostra si svolge al tempio Kanda Myojin, a cinque minuti dalla stazione di Ochanomizu o a dieci minuti dalla famosa Akihabara. Si tratta di un tempio molto legato alla cultura pop giapponese e al mondo della tecnologia – ad esempio è apparso in anime come “Love, live!” ed è una tappa obbligata per chi lavora nel settore IT.

The exhibition is at Kanda Myojin shrine, which is at 5 minutes from Ochanomizu station or at 10 minutes’ walk from Akihabara. This is a very unique temple, famous for its links with the technology and with pop culture – it is even featured in the anime “Love, live!”.

In occasione della mostra su Toshio Suzuki, si possono acquistare delle tavolette votive (ema) con il volto di Yubaba o a forma di Shikigami, sempre dalla Città Incantata, e degli amuleti omamori.

Even if you don’t visit the exhibition, you can buy some items related to the Ghibli world from the shrine shop. There are some wooden plaques with Yubaba’s face on them or with a Shikigami shape where you can write your prayer, or some omamori amulets that you can keep with you.

Informazioni utili

Costo del biglietto: 1300 yen (adulti), 800 yen (bambini)

Il biglietto si può acquistare di persona al tempio oppure al Lawson, tramite la macchinetta automatica Loppi. Oltre al biglietto, bisognerà prendere un altro tagliando con l’orario di ingresso. Noi siamo arrivati alle 10 del mattino e il tagliando per entrare era valido per le 12.30-12.45. Durante l’attesa, potete fare un giro ad Akihabara oppure scattare una foto a una delle stazioni più pittoresche di Tokyo, Ochanomizu. Dal ponte di Hijiribashi si riescono a fotografare le tre linee di metro che passano per questa stazione…bisogna solo aspettare un po’ per azzeccare la tempistica!

Ticket price: 1300 yen (adult), 800 yen (children)

You can buy the tickets directly at the shrine or get them in advance at Lawson. Since this exhibition is very popular, you don’t just need the ticket to get in. After you bought your ticket, you need to collect another small ticket with the time of entry, which could be a bit later in the day. For example, we got to the shrine on Sunday morning at 10 and our ticket was valid for an entry between 12.30 and 12.45. If you have time to kill, you can either go to Akihabara to check out some shops or you can go take a picture of one of the most picturesque train stations in Japan. As a matter of fact, three subway lines cross paths at Ochanomizu station – you might need to wait for a little while but you can get all three trains in the picture!

I treni della Marunouchi line, Sobu e Chuo line si incrociano nella stazione di Ochanomizu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

Art of Meridianos

Art, illustrations, concept art and character designs by Meridianos

IGIRISUJEN

A Brit in Japan

L'Oriente è rosso

Luoghi, tradizioni e curiosità dall'Estremo Oriente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: